Mutuo-prestiti.it

MUTUO 110

Quando un soggetto richiede un mutuo al 110 per cento ad un istituto di credito in genere, è generalmente da intendersi nella percentuale del 100% da utilizzare nell'acquisto dell'immobile in oggetto e dal rimanente 10% per sostenere i costi accessori che gravitano attorno a tale situazione, come ad esempio le spese notarili, di perizia e di burocrazia in genere.

- Come viene gestito un mutuo 110 per cento d'erogazione dagli istituti di credito?

Un punto molto importante, ma spesso trascurato, va chiarito subito. Non tutti sanno che per legge le banche e gli istituti di credito non potrebbero concedere in prestito un capitale che vada oltre l'80% del valore dell'immobile da acquistare, perchè la somma restante dovrebbe essere versata dal cliente nelle fasi di compravendita. Purtroppo la situazione economica di crisi globale ha reso più difficoltoso per i consumatori mettere da parte capitali tali da utilizzare allo scopo, è stata concessa una deroga che consente il 100% del valore, anche per poter movimentare il mercato finanziario. La Banca d'Italia, così, grazie a una deroga, ha dato l'opportunità agli istituti di credito di erogare l'80% canonico, integrando il rimanente 20% mediante una polizza fidejussoria emessa da compagnie di assicurazioni abilitate, a titolo di garanzia aggiuntiva. Ecco che l'ostacolo viene bypassato ed in questo modo, il consumatore avrà a disposizione il 100% del capitale in maniera del tutto regolare. I mutui al 110% rappresentano un'evoluzione di questo tipo di operazione, con ulteriore estensione di capitale.

- Quali requisiti sono richiesti al cliente per ottenere mutui al 110%?

Come accade per tutti i mutui immobiliari, sia i privati che i liberi professionisti possono accendere un mutuo al 110 per cento, anche se bisogna dire che nella maggior parte dei casi viene richiesto soprattutto da soggetti giovani, che non possiedono sufficienti risorse per l'acquisto della prima casa, magari perchè hanno iniziato una carriera lavorativa da poco, o hanno un'occupazione non molto remunerativa e non riescono a fronteggiare costi come per esempio le spese notarili, di agenzia, di ristrutturazione o arredamento. Ecco che in questo caso potranno ottenere tutto l'importo necessario e avranno il tempo per rimborsarlo mediante piano d'ammortamento rateale conteggiato in base alle capacità reddituali che offrono. Un mutuo al 110% può essere concesso a tasso fisso o variabile, e dato l'alto fattore di rischio, considerata la rilevanza degli importi erogati, viene protetto al massimo con polizze assicurative che vanno a garantire il rimborso integrale dell'importo in caso di imprevisti. A tutela del prestito, l'istituto di credito richiederà garanzie consistenti. Generalmente nei mutui al 110 per cento viene posta sull'immobile un'ipoteca di primo grado come garanzia, ed il vantaggio principale è il riuscire a concentrare in un unico finanziamento tutte le spese che gravitano attorno all'acquisto di una casa, alle medesime condizioni di un mutuo casa ipotecario. I mutui al 110% possono essere concessi anche a cattivi pagatori, a discrezione dell'istituto erogante, importante sarà dimostrare di avere un lavoro, meglio se con busta paga mensile o comunque un buon reddito che possa coprire scongiurare eventuali insolvenze.

Mutuo 110 aggiornato il 28 Marzo 2017

Vai alla home:Mutuo Prestiti

mutuo 110